Home 9 Cambogia 9 10 motivi per visitare la Cambogia

Ovviamente non si può visitare la Cambogia senza rendere omaggio ad Angkor Wat e alle rovine dei templi circostanti.

Angkor Wat è il più grande monumento religioso sulla Terra e una vera meraviglia del mondo, e non importa quante volte l’hai visto in fotografia, o ne hai sentito parlare: niente è paragonabile alla prima volta che vedi la famosa silhouette del tempio dell’alba.

Ma la Cambogia è molto più del suo sito più noto.

Mentre le rovine di Angkor parlano dell’illustre passato, il presente e futuro della Cambogia sono altrettanto allettanti per i viaggiatori e per noi fotografi, fuori dalle rotte turistiche e con itinerari disegnati pensando alla fotografia.

Qui di seguito la mia lista con i 10 motivi per cui non dovresti perderti un viaggio in Cambogia, sempre con un occhio di riguardo all’esperienza fotografica 😉

 

Clicca sulle foto per ingrandirle

 

1. La gente e i sorrisi

Alla fine di ogni tour chiedo spesso a clienti e amici quale ricordo del viaggio porteranno a casa con più affetto, e spesso la risposta è proprio la gente del posto, la semplicità, l’accoglienza e gli immancabili sorrisi.

 

Fotografia di viaggio responsabile
 

Ospiti da una famiglia al villaggio galleggiante

I cambogiani sono persone molto gentili e spirituali, molto rispettosi delle loro tradizioni.
La stragrande maggioranza della popolazione pratica il buddismo Theravada.
Nonostante le estreme difficoltà incontrate alla fine degli anni ’70, il popolo Khmer è emerso più forte nel suo insieme. A ciò si aggiunge il loro spirito di accoglienza: i sorrisi sono ovunque e i visitatori sono accolti con una curiosità amichevole. Soprattutto nelle campagne dove il ritmo di vita è più lento, i cambogiani non esitano mai a farti sentire a casa.

Fotografia di viaggio responsabile
 

La cordialità del popolo cambogiano

Prima di visitare il Paese dovremmo essere consapevoli delle usanze per rispettare la cultura locale. Ad esempio quando si visitano i siti dei templi o i monasteri buddisti si deve indossare un abbigliamento adeguato e avere un comportamento riverente.

2. Angkor Wat e i templi millenari

Sappiamo già che la più grande attrazione della Cambogia è senza dubbio Angkor Wat, il più grande monumento religioso del mondo dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1992. La struttura risale al 12 ° secolo e un tempo era al centro del glorioso Impero di Angkor.

Fotografia di viaggio responsabile
 

La maestosità di Angkor Wat, qui all’alba

Risalente al 12 ° secolo, Angkor Wat era un tempo il centro del glorioso impero Khmer, un’impresa architettonica immensa per quei tempi, comprendente una serie di splendide strutture e monumenti religiosi ancora oggi immersi nella giungla. Ma non c’è infatti solo Angkor che da solo conta più di 70 templi: in tutta la Cambogia ci sono altri siti archeologici più o meno grandi, per un totale di circa 4.000 templi!

Fotografia di viaggio responsabile
 

Gli enigmatici volti del Bayon, Angkor

Se vuoi fotografare gli angoli più nascosti di Angkor senza la folla di turisti intorno clicca qui per vedere i miei viaggi fotografici in Cambogia, e qui se vuoi vedere 10 fantastiche albe ad Angkor Wat!

3. L’affascinante cultura buddista, i monasteri e i monaci

Il Buddismo Theravada è la religione ufficiale in Cambogia (della Thailandia, della Birmania e dello Sri Lanka) praticata da circa 95% della popolazione. Tuttavia, il Cristianesimo e l’Islam sono attivi e popolari tra un gran numero di popolazione anche nella capitale e nelle province, mostrando un segno di crescita. Nelle zone più remote sono ancora presenti villaggi che praticano l’animismo.

Fotografia di viaggio responsabile
 

In una pagoda buddista

La pagoda è il cuore della vita cambogiana e molti villaggi, paesi e città si sono sviluppati attorno a pagode particolarmente attive. La pagoda era tradizionalmente il luogo di educazione dei ragazzi e molti giovani cambogiani (generalmente quelli provenienti da ambienti poveri) ancora oggi abbracciano la vita monacale per un periodo compreso tra uno e dieci anni per beneficiare dell’istruzione fornita.

Fotografia di viaggio responsabile
 

Giovane monaco

I festival religiosi in Cambogia sono altro motivo di interesse: Khmer New Year (in aprile) dove la gente porta offerte ai monaci nelle pagode e venera le statue del Buddha, o Pchum Ben (settembre/ottobre), la festa degli antenati, dove invece i cambogiani visitano le pagode portando doni e cibo agli antenati defunti fino alla settima generazione.

Fotografia di viaggio responsabile
 

Festival religiosi

Durante i miei viaggi fotografici visitiamo molti monasteri e pagode buddiste, incontriamo e fotografiamo i monaci e le persone che li abitano.

Leggi i miei consigli sulla Fotografia di viaggio responsabile.

4. Il lago Tonle Sap e i villaggi galleggianti

Il cuore della Cambogia, il lago Tonle Sap è il più grande specchio d’acqua dolce del Paese. Circondato da cinque province, tra cui Siem Reap, le dimensioni del lago cambiano enormemente in base alle stagioni piovose e secche. Fondendosi con il fiume Mekong attraverso il fiume Tonle Sap, il lago fornisce risorse economiche per i villaggi che pescano nelle acque e coltivano la terra circostante fornendo cibo per gran parte della Cambogia.

Fotografia di viaggio responsabile
 

Visita al villaggio galleggiante, stagione delle piogge

Da non perdere una visita a uno dei villaggi galleggianti situati ai margini del lago Tonle Sap, un’esperienza incredibile e un’opportunità unica per dare uno sguardo da vicino e fotografare la vita di queste famiglie che da generazioni vivono sull’acqua e si sono adattate perfettamente alla natura dell’ambiente in cui vivono. Case, mercati, scuole e persino recinti per animali sono costruiti su palafitte o piattaforme galleggianti, dove spesso l’unico mezzo di trasporto sono piccole barche. I villaggi più conosciuti sono Chong Khneas, Kompong Phluk, Kampong Khleang e Meychrey.

Fotografia di viaggio responsabile
 

Mezzi di trasporto nei villaggi galleggianti!

5. I pittoreschi mercati

I mercati in Cambogia sono uno dei modi migliori per entrare in stretto contatto con la gente del posto, dove si possono fotografare in tutta tranquillità le interazioni tra venditori e compratori, e naturalmente l’enorme varietà di merci proposte.

Fotografia di viaggio responsabile
 

Sorrisi al mercato

I miei mercati preferiti sono a Siem Reap (Psa Kraom e Psa Leu) e a Phnom Penh (Russian market e Psa Thmey), dove ormai dopo anni di visite conosco personalmente molti venditori.

Fotografia di viaggio responsabile
 

Amici 🙂

Ogni mercato ha le sue caratteristiche e unicità, per questo non mi stanco mai di visitarli e fotografarli!

Fotografia di viaggio responsabile
 

I colori dei mercati cambogiani

6. Le risaie, le campagne, i paesaggi e le attività rurali

Le lussureggianti campagne cambogiane tendono ad essere ignorate dai turisti, ma per noi appassionati di fotografia sono una delle tante cose imperdibili della Cambogia che meritano di essere visitate.

Fotografia di viaggio responsabile
 

Nelle campagne

Risaie verdi sterminate, piantagioni di fiori di loto, villaggi rurali con le case tradizionali in legno, la proverbiale accoglienza e gli immancabili sorrisi.

Fotografia di viaggio responsabile
 

Risaie, stagione delle piogge

Non mancano naturalmente i tramonti colorati con le palme in silhouette. Insomma, ce ne è sia per il fotografo di passaggio che per il fotografo di reportage o ritrattista, per conoscere la vera Cambogia in maniera intima e responsabile, lontano dalle folle di turisti.

Fotografia di viaggio responsabile
 

Tramonto nelle campagne cambogiane

7. Battambang, le attività artigianali nelle campagne e i monasteri buddisti

Battambang è per dimensioni la seconda città della Cambogia, capoluogo della omonima provincia e al centro di alcune delle risaie più grandi di tutto il Paese. A sole poche ore di macchina da Siem Reap (o qualche ora in più via fiume) è un luogo piacevole e tranquillo da visitare che si è sviluppato sulla riva del fiume Sangker. Come in altre città Cambogiane l’architettura coloniale francese caratterizza molte case del centro storico, con alcuni edifici ancora in ottimo stato.

Fotografia di viaggio responsabile
 

Nel forno di una fabbirca di mattoni

Da non perdere: il trenino di bambù per visitare il cuore delle campagne e i villaggi rurali, le attività di artigianato subito fuori città, alcuni dei monasteri buddisti più pittoreschi di tutto il Paese, le antiche case di legno costruite all’inizio del XX secolo.

Fotografia di viaggio responsabile
 

Dall’intarsiatore dei Buddha di legno

Fotografia di viaggio responsabile

 

L’ospitalità dei monaci cambogiani 🙂

8. Phnom Penh, il Mekong e la street photography

Phnom Penh, capitale della Cambogia e fulcro della vita cambogiana, divenne la capitale permanente nel 1866. Incantevole con la sua architettura coloniale francese, la città crebbe notevolmente all’inizio degli anni ’70 dell’Ottocento. Conosciuta all’inizio del 1900 come la Perla dell’Asia, la storia di Phnom Penh alla fine degli anni ’70 durante il regime dei Khmer Rossi è stata orribile. Tuttavia, la città è sopravvissuta, è fiorita ed è oggi uno dei principali motivi dell’attuale boom economico della Cambogia.

Fotografia di viaggio responsabile
 

Sul lungo fiume di Phnom Penh

Ci sono molti posti da vedere durante la visita a Phnom Penh:
Il Palazzo Reale con la la Pagoda d’Argento e il complesso della Sala del Trono.
Wat Phnom, tempio buddista originariamente costruito nel 1372. Situato in posizione centrale, è la struttura più alta del suo genere in città.
Phnom Penh fu conquistata dai Khmer rossi, una fazione comunista, nell’aprile 1975. Saranno responsabili della tortura e del massacro di oltre un milione di cambogiani tra il 1975 e il 1979. I corpi furono scaricati in fosse poco profonde in tutto il paese, in seguito conosciute come The Killing Fields. Appena fuori Phnom Penh, nel 1989 è stato costruito un memoriale nazionale. Il Centro per il genocidio di Choeung Ek onora tutte le vittime. Il Museo del genocidio di Tuol Sleng (S21) si trova nel sito di un liceo trasformato in prigione di tortura da Pol Pot e dai Khmer rossi.

Fotografia di viaggio responsabile
 

La cupola dello Psa Thmey, il mercato più grande a Phnom Penh

Per noi fotografi il discorso diventa interessante, soprattutto per gli appassionati di street photography e reportage: dai mercati in cui si vende di tutto, perfino parti di ricambio per auto e motorini, alle varie attività quotidiane che si svolgono per strada, dai venditori ambulanti ai parrucchieri…

Fotografia di viaggio responsabile
 

Tramonto sul Mekong, barca di pescatori

Il Mekong è un’altra esperienza imperdibile: tra i fiumi più lunghi del Sud Est Asiatico incontra proprio a Phnom Penh altri due fiumi, il Tonle Sap e il Tonle Bassac. Prenoteremo una barca privata che ci porterà a fotografare un villaggio di pescatori.

9. La cucina Cambogiana e la cooking class

Il riso è l’alimento base della cucina cambogiana, presente in molte varietà e cucinato in modi diversi. Ad ogni pasto viene servito riso jasmine, riso integrale o riso bianco. In molti pasti cambogiani si possono trovare accenni di influenze cinesi, francesi e indiane, come evidenziato dall’uso di spaghetti di riso, baguette e curry.
I più avventurosi potrebbero voler provare qualcosa di più esotico come tarantole fritte e serpenti disponibili nei numerosi mercati in tutto il paese.

Fotografia di viaggio responsabile
 

Attività nelle risaie

Durante alcuni dei miei photo tour in Cambogia spendiamo una mattina con uno chef diplomato che ci porterà in un mercato a scoprire e fotografare alcuni dei segreti della cucina Cambogiana, per spostarci poi al suo ristorante dove metteremo in pratica i suoi consigli cucinando alcuni piatti tradizionali, che saranno poi il nostro pranzo. Un’esperienza unica per entrare in contatto con la gente e la cultura locale!

Fotografia di viaggio responsabile

 

Con la nostra guida Chef al mercato

10. Ottimo rapporto qualità prezzo

Sebbene sia famosa per attrarre i viaggiatori con un budget limitato, la Cambogia ha una vasta gamma di alloggi, dagli economici bed and breakfast agli hotel super lusso a 5 stelle, ad una frazione del prezzo che pagheresti nei paesi occidentali. Lo stesso si può dire dei ristoranti e della vita notturna, che offrono sempre un ottimo rapporto qualità-prezzo.

Negli ultimi anni c’è stato un boom dell’industria del turismo e degli investimenti privati in Cambogia. Ciò ha portato a una continua innovazione di resort, hotel e boutique hotel che offrono comfort e servizi ai più alti livelli.

 

Clicca qui se vuoi leggere il mio articolo “Quando viaggiare in Cambogia

Guarda gli itinerari dei Foto Tour in Cambogia

PROSSIMA PARTENZA DI GRUPPO:

CAMBOGIA 04/13 novembre 2022 >>

Viaggio fotografico in Cambogia

Cambogia, Cultura Khmer

Partenza 04 Novembre 2022

Un viaggio fotografico di 10 giorni alla scoperta di un Paese ricco di storia e di fascino.

Gli antichi e magici templi di Angkor Wat, la natura tumultuosa del lago Tonle Sap, i monaci buddisti nei loro monasteri, i mercati ricchi di umanità interessante ed accogliente… tutto per rendere un viaggio in Cambogia un’esperienza indimenticabile.

FOTO TOUR PRIVATI

PARTENZE TUTTO L’ANNO

foto tour

Cambogia, La Vita dei Monaci

Partenze tutto l’anno

Un foto tour alla scoperta dell’affascinante cultura buddista. Visiteremo monasteri e templi, incontreremo i monaci e le persone che vivono nelle pagode, documenteremo con le nostre macchine fotografiche sia le attività religiose che quelle quotidiane.

Non mancheranno Angkor, villaggi rurali e villaggi su palafitte, mercati e molto altro.

Un itinerario esclusivo e unico!

Viaggio fotografico in Cambogia

Cambogia, The Best Of in 9 giorni

Partenze tutto l’anno

La Cambogia è un Paese con tante contraddizioni: non da molto uscito da una terribile guerra civile è oggi un’importante meta turistica diventata famosa per i magici templi di Angkor.

Ma la Cambogia non è solo Angkor…

Questo workshop fotografico ti porterà alla scoperta della vera Cambogia, distante dai percorsi più turistici.

foto tour

Cambogia, The Grand Tour in 12 giorni

Partenze tutto l’anno

Un’avventura di 12 giorni intorno al più grande lago del Sud Est Asiatico.

Tre diverse città: Siem Reap, Battambang e la capitale Phnom Penh, e naturalmente i misteriosi templi di Angkor, villaggi rurali e villaggi su palafitte, monasteri buddisti, mercati, campagne e molto altro!

FOTO TOUR PRIVATI

PARTENZE TUTTO L’ANNO

foto tour

Cambogia, La Vita dei Monaci

Partenze tutto l’anno

Un foto tour alla scoperta dell’affascinante cultura buddista. Visiteremo monasteri e templi, incontreremo i monaci e le persone che vivono nelle pagode, documenteremo con le nostre macchine fotografiche sia le attività religiose che quelle quotidiane.

Non mancheranno Angkor, villaggi rurali e villaggi su palafitte, mercati e molto altro.

Un itinerario esclusivo e unico!

Viaggio fotografico in Cambogia

Cambogia, The Best Of in 9 giorni

Partenze tutto l’anno

La Cambogia è un Paese con tante contraddizioni: non da molto uscito da una terribile guerra civile è oggi un’importante meta turistica diventata famosa per i magici templi di Angkor.

Ma la Cambogia non è solo Angkor…

Questo workshop fotografico ti porterà alla scoperta della vera Cambogia, distante dai percorsi più turistici.

foto tour

Cambogia, The Grand Tour in 12 giorni

Partenze tutto l’anno

Un’avventura di 12 giorni intorno al più grande lago del Sud Est Asiatico.

Tre diverse città: Siem Reap, Battambang e la capitale Phnom Penh, e naturalmente i misteriosi templi di Angkor, villaggi rurali e villaggi su palafitte, monasteri buddisti, mercati, campagne e molto altro!

Pin It on Pinterest